Facebook pixel
Info
Foto sezione
Logo Bocconi

Course 2011-2012 a.y.

30207 - MANAGEMENT DELLE AZIENDE DI TURISMO [TOURISM MANAGEMENT]


CLEAM - CLEF - CLEACC - BESS-CLES - BIEMF
Department of Management and Technology

Course taught in Italian


Go to class group/s: 31

CLEAM (6 credits - I sem. - OP  |  SECS-P/07) - CLEF (6 credits - I sem. - OP  |  SECS-P/07) - CLEACC (6 credits - I sem. - OP  |  SECS-P/07) - BESS-CLES (6 credits - I sem. - OP  |  SECS-P/07) - BIEMF (6 credits - I sem. - OP  |  SECS-P/07)
Course Director:
MANUELA DE CARLO

Classi: 31 (I sem.)
Docenti responsabili delle classi:
Classe 31: MANUELA DE CARLO


Obiettivi formativi del corso

Il corso si propone di sviluppare nei partecipanti la capacità di contribuire attivamente alla gestione delle aziende turistiche, attraverso una comprensione approfondita dei driver competitivi e delle sfide gestionali che caratterizzano i principali settori del turismo.

Attraverso la partecipazione al corso gli studenti sono in grado di:

  • conoscere la struttura, le tendenze evolutive e i driver competitivi dei  principali settori della filiera turistica;
  • comprendere le implicazioni che i cambiamenti legati alle tecnologie di connettività e all'evoluzione dei consumi turistici hanno sulla strategia delle imprese della filiera;
  • applicare strumenti di analisi e diagnosi strategica propri delle aziende del turismo (con particolare attenzione a hospitality, crociere, trasporto aereo, tour operating, distribuzione turistica);
  • individuare le fonti di profitto in specifici contesti di business del turismo;
  • individuare i percorsi di riposizionamento e crescita più redditizi per le aziende dei diversi settori del turismo, valutandone le implicazioni  organizzative ed economico-finanziarie;
  • comprendere gli effetti delle azioni di governo sovraordinato (destination management) sulle performance delle imprese turistiche.

Al fine di favorire una partecipazione attiva degli studenti in aula e una capacità di assimilare in modo critico i modelli e gli strumenti proposti, il corso alterna lezioni di tipo tradizionale, sessioni dedicate alla discussione di casi, testimonianze di manager e imprenditori protagonisti delle situazioni descritte nei casi discussi in aula. I lavori di gruppo proposti consentono agli studenti di verificare la propria capacità di impiegare criticamente gli strumenti di analisi appresi e di difendere il proprio punto di vista nei confronti di colleghi, docenti e testimoni aziendali.


Programma sintetico del corso

La filiera turistica

  • Il sistema del valore del turismo: attori, relazioni e driver competitivi 
  • Cambiamenti nei modelli di business del turismo per effetto delle tecnologie di connettività
  • Cambiamenti nei modelli di business del turismo per effetto dell'evoluzione qualitativa della domanda
  • L'analisi dell'attrattività dei diversi business del turismo (hospitality, trasporto aereo, tour operating, distribuzione, MICE)
  • Le fonti del vantaggio competitivo e le opzioni strategiche in diversi business del turismo
  • Le leve per il miglioramento della redditività operativa nelle aziende del turismo
  • Strategie di crescita nella filiera del turismo
  • La gestione strategica delle destinazioni turistiche (destination management
  • La relazione tra performance delle imprese e performance della destinazione

Descrizione dettagliata delle modalità d'esame

L'esame consiste in una prova orale.

Per gli studenti frequentanti la partecipazione in aula e lo svolgimento dei lavori di gruppo assegnati sono oggetto di una valutazione integrativa rispetto alla valutazione della prova orale.


Testi d'esame
Per i frequentanti
  • M. DE CARLO (a cura di), Management delle aziende del turismo, Letture e casi, disponibile online nello spazio dedicato al corso.
  • R. M. GRANT, L'analisi strategica per le decisioni aziendali, Bologna, Il Mulino, 2005 (capp. III, VII, VIII, IX).

Per i non frequentanti

  • S.J. PAGE, Tourism management: managing for change, Butterworth-Heinemann, 2009, III ed.
  • P. DUBINI, M. DE CARLO (a cura di), La valorizzazione delle destinazioni, EGEA, 2008, capp.1-4.
Modificato il 06/06/2011 12:33