Info
Logo Bocconi

Course 2018-2019 a.y.

30423 - DIRITTO - MODULO 1 (PRIVATO) / LAW - MODULE 1 (PRIVATE LAW)

Department of Law


For the instruction language of the course see class group/s below

Go to class group/s: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8

CLEAM (6 credits - II sem. - OBBC  |  IUS/01)

Classi: 1 (II sem.) - 2 (II sem.) - 3 (II sem.) - 4 (II sem.) - 5 (II sem.) - 6 (II sem.) - 7 (II sem.) - 8 (II sem.)
Docenti responsabili delle classi:
Classe 1: LAURA MORLOTTI BONETTI, Classe 2: ALESSANDRO PIETRO SCARSO, Classe 3: EMANUELE LUCCHINI GUASTALLA, Classe 4: ALESSANDRO D'ADDA, Classe 5: DANIELA BARBIERATO, Classe 6: LORENZO BERTINO, Classe 7: LORENZO BERTINO, Classe 8: LAURA MORLOTTI BONETTI

Classe/i impartita/e in lingua italiana

Mission e Programma sintetico
MISSION

Lo studio delle Istituzioni di diritto privato consente allo studente di acquisire la conoscenza delle nozioni e dei principi fondamentali di quella parte dell'ordinamento giuridico destinata a regolare i rapporti tra i privati. Il corso si propone di fornire i dati essenziali relativi agli istituti giuridici fondamentali del diritto privato moderno e i concetti giuridici di base necessari alla comprensione delle dinamiche proprie della regolazione giuridica dei rapporti patrimoniali fra privati.

PROGRAMMA SINTETICO

Dopo un'introduzione di teoria generale del diritto, il corso prende in esame:

  • La disciplina dei soggetti (persone fisiche, giuridiche, enti economici e enti non profit); i rapporti giuridici tra i soggetti ed i beni (proprietà e diritti reali).
  • I rapporti intersoggettivi (obbligazioni, contratti, responsabilità civile).

Vengono, infine, delineati i tratti essenziali della disciplina delle successioni mortis causa e del diritto di famiglia, con particolare riguardo agli aspetti patrimoniali.


Risultati di Apprendimento Attesi (RAA)
CONOSCENZA E COMPRENSIONE
Al termine dell'insegnamento, lo studente sarà in grado di...
  • Conoscere le nozioni e i principi fondamentali del diritto privato con particolare riguardo ai soggetti, ai beni e alle situazioni di appartenenza, ai rapporti intersoggettivi (obbligazioni, contratti, responsabilità civile), oltre che alle regole che governano l’attività di impresa, le società, il fallimento e il mercato; lo studente sarà altresì in grado di comprendere i tratti essenziali della disciplina delle successioni mortis causa e del diritto di famiglia, con particolare riguardo agli aspetti patrimoniali.
CAPACITA' DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE
Al termine dell'insegnamento, lo studente sarà in grado di...
  • Valutare i riflessi delle regole giuridiche in materia privatistica sull’agire, in forma singola o associata, dei soggetti dell’ordinamento, in relazione al perseguimento di interessi di natura personale o patrimoniale, tanto nel contesto di rapporti intersoggettivi quanto in connessione alle situazioni di appartenenza rispetto ai beni, anche nel quadro dell’attività di impresa.

Modalità didattiche
  • Lezioni frontali
DETTAGLI

Il corso si basa sull’esposizione in classe da parte del docente della materia oggetto del programma del corso.

  • La lezione prevede costantemente l’interazione con gli studenti frequentanti, che possono intervenire spontaneamente con domande e osservazioni oppure essere sollecitati dal docente su determinate problematiche.
  • La partecipazione con profitto alle lezioni di aula costituisce poi componente della valutazione complessiva della preparazione dello studente sulla materia oggetto del corso.

Metodi di valutazione dell'apprendimento
  Accertamento in itinere Prove parziali Prova generale
  • Prova individuale orale
  •     x
  • Partecipazione in aula (virtuale, fisica)
  • x    
    STUDENTI FREQUENTANTI E NON FREQUENTANTI

    L'esame è in forma orale. Nel corso del colloquio il docente valuta la conoscenza della materia da parte dello studente, nonché la sua capacità di comprensione ed applicazione dei meccanismi di funzionamento del diritto privato in funzione della risoluzione di problematiche concrete.


    Materiali didattici
    STUDENTI FREQUENTANTI E NON FREQUENTANTI
    • E. Lucchini Guastalla, Istituzioni di diritto privato (per gli studenti di economia), Milano, Giuffrè Francis Lefebvre, 2019.

    Oppure, in alternativa al Manuale consigliato, a scelta dello studente:

    • G. Iudica, P. Zatti, Linguaggio e regole del diritto privato, ult. ed., Padova, Cedam, capp. 1-28, 30, 38, 43-47.
    • A. Torrente, P. Schlesinger, Manuale di diritto privato, ult. ed., a cura di F. Anelli e C. Granelli, Milano, Giuffrè, capp. I-XLI, XLII (solo §§ 379, 381-383), XLIII-XLV, XLVII (solo parti A e C), XLVIII-XLIX, LI (solo parti A, B e C), LIV-LV, LXV-LXXXI.
    • P. Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, ult. ed., Milano, Giuffrè, capp. I-XXXIX, XLII-XLVI, XLVII (solo §§ 362-364), XLVIII (solo §§ 373, 377-bis, 378), XLIX-LVII, LXV-LXXIV.

     

    È inoltre essenziale un'edizione aggiornata del codice civile con le principali leggi collegate. Si suggerisce:

    • Il codice civile e i codici minori con le leggi di diritto privato per l’economia, diretto e a cura di V. Franceschelli, E. Tosi, E. Lucchini Guastalla, 19a edizione, Piacenza, Casa Editrice La Tribuna, 2018.
    Modificato il 25/01/2019 10:33